Come strutturare una lezione: la terza lezione del Mastermind

Negli ultimi due lunedì vi ho parlato qui sul blog dei temi che affronteremo durante le prime lezioni del mio Mastermind: il corso-laboratorio dedicato a tutti gli insegnanti di italiano per stranieri che vogliano partecipare a un’esperienza di formazione attiva e, al tempo stesso, stringere un rapporto di collaborazione e amicizia con colleghi e compagni di laboratorio per un’avventura breve ma intensa, in partenza il 1 settembre

Dopo avervi presentato il tema della prima lezione (le attività rompighiaccio) e quello del secondo incontro (come strutturare un test di livello), affrontiamo oggi l’argomento della terza lezione del mio Mastermind: come strutturare una lezione di italiano per stranieri

Continue reading “Come strutturare una lezione: la terza lezione del Mastermind”

Idee di conversazione per l’ultima lezione di italiano

diverse classmates talking to each other after studies
Photo by Monstera on Pexels.com

Ci siamo: finalmente le vacanze si avvicinano e potremo goderci il meritat(issim)o riposo! E mentre contiamo le ore che ci separano da quel tanto agognato momento, un pensiero frequente ci accompagna alla vigilia dell’ultima lezione di italiano per stranieri: “Cosa posso ancora fare in classe?”.

Per aiutarvi a pianificare la vostra ultima lezione, ho pensato di condividere con voi alcune domande che potrete usare come spunto per un’ora di conversazione decisamente interessante (e, a tratti, emozionante). Come già saprete se mi seguite da tempo, gli spunti che leggerete sono già stati testati e approvati dai miei studenti!

Continue reading “Idee di conversazione per l’ultima lezione di italiano”

Imparare una lingua straniera: i segreti per un corso di lingua di successo

iceberg
Photo by Jean-Christophe André on Pexels.com

Durante uno dei miei corsi di italiano per stranieri, anni fa, una studentessa inglese mi disse una cosa che mi fece particolarmente riflettere. Eravamo le uniche ancora in classe e lei stava raccogliendo le sue cose senza troppa fretta. Seduta alla cattedra, io cercavo di mettere ordine (mentale e fisico) dopo la lezione alla quale lei aveva preso parte. In quella reciproca solitudine, le sorrisi. Incoraggiata forse da quell’attenzione, lei mi disse in inglese: “A volte penso che se non fossi stata di madrelingua inglese avrei imparato italiano più velocemente”. Stupita e incuriosita, appoggiai le spalle allo schienale e lei, guardandomi, si spiegò meglio…

Continue reading “Imparare una lingua straniera: i segreti per un corso di lingua di successo”