Una scheda per memorizzare le parole

Quella che vedete in apertura a questo articolo è la trasposizione grafica (e decisamente più pulita e ordinata!) di un esercizio che ho proposto in classe a lezione qualche giorno fa. L’esercizio è piaciuto moltissimo agli studenti amanti degli schemi, delle mappe e di uno stile visivo pronunciato, anche se per fortuna ha incuriosito anche chi ama prendere molti appunti e avere fogli fitti di annotazioni.

Se volete aiutare i vostri studenti a ripassare e memorizzare il lessico appreso, provato questa bella idea!

Continue reading “Una scheda per memorizzare le parole”

Adotta una parola: un’idea per usare il dizionario etimologico in classe

open book pages on surface
Photo by Pixabay on Pexels.com

Qualche giorno fa, arrampicata sulla libreria di casa, il mio sguardo si è posato su un dizionario (uno dei tanti: a proposito, farò un post anche su quelli!) che da tempo non aprivo. Il dizionario in questione è quello etimologico: uno strumento spesso sottovalutato e che invece può essere un prezioso alleato a lezione, sia per fare esercizio lessicale che grammaticale. Come? Ecco un’idea semplice che potrete portare in classe fin da subito! 

Continue reading “Adotta una parola: un’idea per usare il dizionario etimologico in classe”

Nuvole di parole: wordcloud per fare esercizi di grammatica e lessico

assorted color alfabet letters on black background
Photo by Magda Ehlers on Pexels.com

Proporre esercizi di italiano per stranieri non è sempre cosa facile, soprattutto quando si insegna a studenti adolescenti già annoiati e spesso poco entusiasti della scuola. Per proporre esercizi di grammatica e lessico e stimolare la produzione scritta senza dimenticare l’aspetto ludico, vi propongo alcune idee che prevedono l’uso di uno strumento: le nuvole di parole, o wordclouds.

Continue reading “Nuvole di parole: wordcloud per fare esercizi di grammatica e lessico”

Didattica ludica: la tombola lessicale nella classe di italiano L2

red heart drawed white printer paper on pink surface

Soprattutto all’inizio di un corso di italiano per stranieri è normale voler concentrarsi sul lessico: specialmente quando lo studente presenta un livello linguistico molto basso. Se avete già avuto modo di insegnare italiano agli stranieri avrete sicuramente notato che gli studenti, anche in relazione alla propria esperienza da apprendenti nel proprio Paese di provenienza, applicano strategie diversificate per apprendere il nuovo lessico: alcuni usano le liste di parole suddividendole per contesto, altri traducono ogni singolo lessema nella propria lingua e altri ancora vantano una memoria di ferro ripetendo più volte, e a voce alta, il nuovo termine.
Per mettere tutti d’accordo, vi presento un’attività ludica utile per facilitare la memorizzazione di nuove parole mantenendo alta la motivazione dei vostri alunni (e anche il loro umore!).

Continue reading “Didattica ludica: la tombola lessicale nella classe di italiano L2”

Imparare il lessico con le fotografie

Fotografia e immagine

Apprendere il lessico di una lingua straniera non è mai semplice soprattutto quando la lingua madre dell’allievo è molto distante da quella italiana o, al contrario, quando le due lingue sono così vicine da causare errori di interferenza.

Una delle strategie didattiche che utilizzo più spesso con i miei alunni (in particolar modo con quelli più giovani) è quella di affrontare il lessico utilizzando le fotografie scattate con il mio smartphone: semplici istantanee di contesti quotidiani che, portate in classe durante la lezione, catturano maggiormente l’attenzione dei miei allievi avvicinandoli senza timori ed esitazioni agli ambienti che spesso affrontano con apprensione e timidezza.

Per rendere l’apprendimento lessicale più efficace (e divertente!) è fondamentale che conosciate le abitudini dei vostri allievi: chiedete loro se prendono il pullman o il treno e scattate una fotografia dell’interno di un autobus o di una banchina, scattate una fotografia al supermercato e al mercato rionale per rievocare a lezione il momento in cui fanno la spesa, informatevi sulle attività che amano svolgere nel tempo libero e fotografate una libreria, gli spalti di uno stadio, la panchina di un parco, l’interno di una palestra (se non ci andate, chiedete a un amico di scattare la foto per voi). Dopo aver mostrato loro le immagini che avete scattato, chiedete agli alunni di inserire i sostantivi relativi agli oggetti che conoscono e aiutateli a inserire i rimanenti. Per compiere questa operazione, di solito modifico l’immagine su pc creando delle caselle di testo accanto all’oggetto (si può utilizzare la semplice funzione di Paint), oppure stampo la fotografia e chiedo agli alunni di scrivere a mano i sostantivi così da creare insieme un glossario visivo o, in alternativa, utilizzo spesso una risorsa digitale come Thinglink che permette loro di inserire i tag etichettando gli oggetti dell’immagine sia da pc che da smartphone.

Grazie a questa attività sarà molto semplice assegnare un “compito” per casa. Dopo la vostra lezione potrete infatti chiedere agli alunni di scattare una fotografia del luogo che visitano più spesso o in cui passano più tempo in città, di quello in cui si sentono più a loro agio e a disagio, di quello più rappresentativo del loro soggiorno in Italia… Le possibilità sono davvero infinite! Chiedete loro di scattare una fotografia e nominare gli oggetti che vedono nella foto scegliendo la modalità che preferiscono tra quelle usate in classe inserendo le informazioni grammaticali mancanti (singolare, plurale, articoli determinativi) e, se lo desiderano, una semplice frase.

Un ultimo consiglio. Lasciate che gli studenti condividano tra di loro le immagini complete delle informazioni linguistiche e chiedete loro di scegliere quelle più rappresentative così da creare una bacheca di classe digitale utilizzando Drive o un poster cartaceo da appendere al muro. Le fotografie che avranno scelto saranno utili a voi (e a loro!) in moltissime occasioni di studio: articoli indeterminativi, plurali, aggettivi e attività di produzione scritta e orale al presente al passato.