Inventare le etimologie delle parole con gli studenti di italiano L2 di livello avanzato

Data di pubblicazione: 23 Gen 2023

La mia passione per la lettura non è certo una novità o un fatto degno di nota (quale insegnante, infatti, non ama leggere?); eppure, una delle cose che mi capita spesso, è di trovare idee per le mie lezioni anche all’interno di romanzi o saggi apparentemente slegati dal tema della didattica. 

L’attività di cui vi parlerò oggi prende proprio spunto da un’idea nata durante la lettura di un libricino interessante che mi ha spinta a porre ai miei studenti una domanda curiosa: “Ti va di indovinare qual è l’origine di questa parola?“. 

Da dove è nata l’idea che vi presento oggi?

L’idea è nata leggendo il libro “L’atlante delle parole” di Diego Fontana: un piccolo libro di un centinaio di pagine all’interno del quale, a partire da un’esperienza autobiografica, l’autore svela ai lettori l’origine (più o meno bizzarra) di alcune parole spesso legate tra loro da riferimenti culturali, linguistici e geografici. 

Ed è proprio parlando di etimologie che l’autore cita un altro libro (“Etimologiario”, che mi sono promessa di leggere presto!) all’interno del quale l’autrice gioca a inventare l’origine di alcune parole senza stravolgerne il senso ma, anzi, rafforzandone il significato e l’uso corrente… Geniale, no?

Da qui, l’idea che voglio presentarvi nel post di oggi e che divertirà i vostri studenti di livello intermedio o avanzato che potranno giocare con le loro parole (preferite o detestate) inventandone la provenienza e scrivendone una definizione nuova, tutta loro e sicuramente utile, da quella lezione in poi, a ricordarne il significato. 

La mia proposta in classe

Io ho proposto questa attività in classe e, salvo i primi momenti di imbarazzo, i miei studenti si sono finalmente lasciati coinvolgere senza vergogna. Ecco quello che hanno scritto: 

  • Penna: Dall’inglese, “pen”. L’ultima sillaba è stata aggiunta perché la parola è femminile in italiano e doveva finire con la vocale “a”;
  • Sedia: Questa parola fa riferimento al verbo “sedersi”. Avrebbe potuto chiamarsi “sedere” o “sederi” ma, a detta dei miei studenti, sembrava brutto (come dar loro torto!);
  • Libro: Sull’etimologia della parola “libro” non vi sono state risposte creative a eccezione di una, che ci ha molto divertiti. Secondo un mio studente, questa parola potrebbe essere oggi utile per indicare la presenza del libro a un compagno di classe adolescente con il quale si ha confidenza… “Dov’è il mio?” “Ma è lì, bro!”. Ah, gli adolescenti! 

 

Porterete questa idea nella vostra classe? Se sì, fatemi sapere com’è andata! 

 

 

 

 

 

illustrazione matita

Articoli correlati

Avete mai usato il Google del cibo?

Avete mai usato il Google del cibo?

(Spoiler alert: Se siete a stomaco vuoto, non leggete questo articolo!) Scoperto per caso, il Google del cibo è presto diventato uno tra gli strumenti didattici digitali che uso più spesso quando affronto la tematica lessicale (e culturale!) del...

Se ti sono stata di aiuto offrimi un caffè 🙂

Giada Aramu

Giada Aramu

Mi presento: mi chiamo Giada e insegno italiano per stranieri (con passione!) dal 2010. Nel 2019 ho creato un blog dedicato a questo meraviglioso lavoro e, da allora, investo a profusione energia, esperienza e creatività per regalarti le mie idee e aiutarti a organizzare il tuo lavoro in aula. Leggi di più

3 Commenti

  1. Avatar

    Ahimé, appassionata, naturalmente..

    Rispondi
    • Giada Aramu

      Lo conosco bene, Sabine! Grazie per averlo condiviso con tutti i docenti appassionati come noi ❤️

      Rispondi

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *