Look a round: la mia recensione di un gioco per ripassare il lessico

Lo scorso ottobre sono tornata al mio amato Salone del Libro: un appuntamento che attendo ogni anno con impazienza e che quest’anno, a causa delle pause per il Covid, ho accolto con gioia ancora maggiore! 

Al Salone, oltre a scoprire le novità editoriali per insegnanti L2 ed LS mi sono lasciata trasportare con la fantasia dai produttori di giochi da tavolo e attività ludiche: strumenti che acquisto spesso e che porto a lezione con passione ed entusiasmo. 

Per questo motivo, il post di oggi è dedicato a uno dei miei ultimi acquisti del Salone: il gioco da tavolo Look a Round, creato da Kaleidos Publishing.  

COME SI PRESENTA IL GIOCO?

Il gioco da tavolo (contenuto nelle dimensioni e facilmente trasportabile) è composto da 80 carte rotonde illustrate su entrambe le facciate: da un lato sono raffigurati oggetti (alcuni davvero curiosi!) e dall’altro è riportata una lettera dell’alfabeto. Le lettere dell’alfabeto sono funzionali al gioco poiché servono a individuare nella facciata illustrata tutti gli oggetti che iniziano con quella lettera oppure pensieri, verbi, aggettivi, avverbi a essa collegati. 

COME HO USATO IL GIOCO?

Ho messo il mazzo di carte al centro e ho chiesto a ciascun alunno di girare una carta e, a partire dalla lettera mostrata, di trovare nelle immagini nomi, aggettivi, verbi e avverbi: attività che in molti casi è stata svolta dall’intero gruppo classe per permettere agli studenti più bravi di aiutare quelli in difficoltà.

Oltre alla modalità classica, mi sono divertita a inventare nuove indicazioni così da permettere ai miei studenti di giocare ed esprimersi più liberamente, a prescindere dal loro livello di italiano. Ad esempio, mi sono divertita anche a:

  • usare il lato illustrato delle carte per chiedere ai miei studenti di raccontare una storia usando solo gli oggetti rappresentati e i verbi a essi collegati (per il livello avanzato);
  • trovare una lettera dell’alfabeto che accomunasse tutti gli oggetti rappresentati sulla carta;
  • osservare gli oggetti e nominare solo quelli maschili o femminili (livello elementare o intermedio, a seconda degli oggetti rappresentati);
  • mostrare il lato con le illustrazioni e poi chiedere di nominare (o disegnare) tutti gli oggetti in esso rappresentati (come un memory!)

Usereste questo gioco nelle vostre lezioni? Quali altri giochi mi consigliereste? 

 

 

 

Published by

Rispondi